lunedì 19 maggio 2014

Con Torino Social Innovation, i servizi di accompagnamento per le giovani imprese sociali

Torino Social Innovation è un interessante progetto che unisce pubblico e privato per sostenere la nascita di imprese di giovani, in grado di rispondere ai diversi bisogni sociali. L'idea è che queste nuove imprese siano innovative nel campo sociale, che sappiano cioè, non tanto produrre profitto, quanto maggiore benessere e migliore qualità della vita per i cittadini. La solidarietà e il benessere comune come valori aggiunti: è un nuovo modo di intendere le imprese, dopo gli anni di individualismo spinto e dopo la crisi che ha spazzato via le imprese che non hanno saputo innovare.
Gli obiettivi del progetto, secondo quanto si legge nella sua pagina web, sono "promuovere la cultura dell'innovazione sociale, sostenere i processi di creazione di comunità creative, sostenere lo sviluppo di nuove forme di economia collaborativa, facilitare lo sviluppo di progetti imprenditoriali per un'economia sociale di mercato più dinamica, più inclusiva e sostenibile". Per realizzare questi obiettivi è nata una rete di partner pubblici e privati, che uniscono le competenze e le esperienze utili ad assistere i giovani nella nascita delle loro imprese sociali. Tra gli aderenti alla rete ci sono la Città di Torino, la Camera di Commercio, la Compagnia di San Paolo, Confcooperative Torino e Legacoop Piemonte, l'Environment Park, la Fondazione Torino Wireless, Toolbox Coworking, I3P Incubatore Politecnico di Torino e 2i3T Incubatore Università di Torino. Sono queste imprese che accompagneranno i giovani imprenditori nei loro primi passi.
Il servizio messo a disposizione da Torino Social Innovation è FaciliTo Giovani e Innovazione Sociale, che offre sia azioni di accompagnamento per lo sviluppo della fattibilità economico-finanziaria del progetto sia azioni di sostegno finanziario, alle persone di età compresa tra i 18 e i 40 anni, che intendono avviare o espandere un'attività economica di innovazione sociale, con sede a Torino. Si possono rivolgere a FaciliTo "gli aspiranti imprenditori che intendono aprire un'impresa in cui il rappresentante legale e la maggioranza numerica dei soci abbiano meno di 40 anni; coloro che intendono far nascere una nuova impresa, in cui il rappresentante legale e la maggioranza numerica dei soci abbiano meno di 40 anni, a partire da un'impresa già esistente, di cui sono soci o lavoratori e in cui sia evidente la generazione di una nuova attività economica; coloro che intendono espandere l'attività economica di una neoimpresa costituita da non più di 48 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda accompagnamento, in cui il rappresentante legale e la maggioranza numerica dei soci abbiano meno di 40 anni".
Da gennaio 2014 a dicembre 2015, FaciliTo offre un supporto articolato in tre punti: accompagnamento (supporto di consulenti d'impresa per business plan, analisi del mercato e della concorrenza, modello di business, difesa della proprietà intellettuale, piano di marketing, team assessment, pianificazione economico-finanziaria e patrimoniale triennale), finanziamenti (finanziamento agevolato, fino all'80% del valore del progetto, garantito da un fondo rotativo della Città di Torino. Contributo a fondo perduto fino al 20% delle spese ammissibili), servizi accessori (offerti dai partner del progetto in tema di housing, formazione, sostegno al testing, mentoring, consulenze specifiche, supporto per accedere a finanziamenti complementari).
Il blog di Torino Social Innovation segnala anche le prime attività aperte grazie al progetto. E non mancano le piacevoli sorprese.
Sapevate che il Miagola Cafè, la prima caffetteria italiana con i gatti come protagonisti, in via Amendola 6/D, è 'figlio' di FaciliTo? Il suo valore aggiunto è "essere un nuovo ambiente di interazione sociale che si propone di diffondere informazione ed educazione sul tema degli animali, in un contesto di 'città intelligente'". Anche svinando.com, un'attività ampiamente pubblicizzata dai media nei mesi scorsi, è nata grazie a questo progetto: l'obiettivo di questa piattaforma web è "rispondere alla domanda di mercato che chiede vini di qualità a prezzi ragionevoli, facendo incontrare quei consumatori che hanno un interesse rilevante per la qualità e la provenienza dei prodotti, con l'offerta di quei piccoli e medi produttori di vino che rimangono purtroppo sconosciuti ai più per la mancanza di investimenti in comunicazione". Un altro bel progetto che ha visto la luce grazie a FaciliTo è naboomboo.com, una piattaforma web che permette gratuitamente "di migliorare la propria conoscenza di una lingua straniera e allo stesso tempo, per chi lo desidera, mettere a disposizione la propria lingua nativa. Gli utenti iscritti potranno videochiamarsi e 'scambiare' conoscenza linguistica, specificando e condividendo i propri interessi su cui si vuole discutere durante le sessioni di conversazione". Qui trovate la lista completa dei progetti realizzati grazie a Torino Social Innovation
Tutte le info sul programma, sul sito web www.torinosocialinnovation.it.


Nessun commento:

Posta un commento