Eventi    Luoghi   Made in TO   Progetti   Storie   In viaggio               Chi sono  Contatti

martedì 9 settembre 2014

Quando in corso Massimo d'Azeglio c'erano edifici ottocenteschi (anche in stile Tudor)

Quando ero piccola corso Massimo d'Azeglio aveva fama di essere una delle vie più eleganti di Torino. Sulle rive del Po, davanti al Parco del Valentino e alla collina, era abitato da professionisti e alta borghesia. Si diceva all'epoca che persino le prostitute (corso Massimo d'Azeglio era famosa anche per la loro presenza notturna) fossero le più belle di Torino. Poi, negli anni universitari, ho frequentato quella zona quasi quotidianamente, essendo il Castello del Valentino sede della Facoltà di Architettura. E si potrebbe dire che per un certo periodo questo corso, soprattutto intorno a corso Marconi, ha avuto ben pochi segreti per me.

Sin dalla sua costruzione, a causa della sua posizione privilegiata, davanti al Parco del Valentino, corso Massimo d'Azeglio è stato sempre ben abitato. Sono cambiate le architetture, ma non il ceto di riferimento. E il cambio delle architetture è notevole. Ci sono le cartoline d'epoca che parlano di edifici e ville eleganti e sorprendenti. All'angolo tra corso Massimo d'Azeglio e corso Vittorio Emanuele II c'era addirittura un edificio singolare, un convento delle Dame del Cenacolo, costruito in stile Tudor nel 1870, in un'epoca in cui San Salvario stava riscoprendo lo stile neomedievale (si pensi al vicino Borgo Medievale, costruito poco dopo); il convento fu abbattuto nel 1959, per far posto all'attuale condominio. La speculazione edilizia ha fatto sì che corso Massimo d'Azeglio abbia perso buona parte degli eleganti e signorili edifici ottocenteschi e, in fondo, abbia perso anche buona parte del suo fascino, per trasformarsi in una grande via a scorrimento veloce, fiancheggiata da anonimi edifici della seconda metà del Novecento. L'unica eccezione sono, curiosamente, gli edifici universitari, che fiancheggiano via Valperga Caluso e che sono rimasti praticamente intatti.

Alcune cartoline d'epoca raccontano corso Massimo com'era.

Il convento in stile Tudor (sin) e l'edificio all'angolo con corso Marconi (ds)
Gli edifici universitari tra corso Raffaello, corso Massimo e via Valperga Caluso


Nessun commento:

Posta un commento