Eventi    Luoghi   Made in TO   Progetti   Storie   In viaggio               Chi sono  Contatti

lunedì 1 dicembre 2014

Un solo biglietto per visitare Stupinigi, Staffarda e Sant'Antonio di Ranverso

Una bella operazione in chiave turistica da parte della Fondazione dell'Ordine Mauriziano. Da oggi, 1 dicembre 2014, c'è un biglietto unico per visitare tre dei monumenti piemontesi appartenenti al patrimonio dell'Ordine: la Palazzina di Caccia di Stupinigi (TO), la Precettoria di Sant'Antonio di Ranverso (TO) e l'Abbazia di S. Maria di Staffarda a Revello (CN). Il biglietto unico costa 15 euro, ridotto 10 euro (per i minori di 18 anni, over 65 e disabili), e vale per un anno dalla data di emissione.

Con un solo biglietto sarà dunque possibile visitare uno dei più importanti capolavori del barocco europeo, la Palazzina di Stupinigi, e due dei più significativi complessi religiosi del Piemonte, la Precettoria e l'Abbazia. Costruita dal 1729, su progetto di Filippo Juvarra, Stupinigi è uno dei più sorprendenti capolavori del barocco europeo, grazie alla padronanza della linea curva di Juvarra e grazie ai magnifici giochi di prospettive che offre, giocando con il paesaggio. L'attuale percorso di visita inizia nella Scuderia Juvarriana, in cui si conserva la scultura originale del cervo posto sul tetto del corpo centrale; quindi si prosegue fino al Salone Centrale, in cui confluiscono le linee della Croce di Sant'Andrea, che caratterizzano il disegno centrale del complesso, e si incontrano i Gabinetti Cinesi, il Salotto degli specchi, la Sala da Gioco, gli appartamenti destinati ai Duchi di Chiablese; è visitabile anche il giardino, recentemente restaurato, che si apre nella parte posteriore, davanti alle Alpi, mentre, per motivi di sicurezza, il parco è chiuso. Gli orari di apertura di Stupinigi sono da martedì a venerdì dalle 10.00 alle 17.30, sabato e domenica dalle 10 alle 18.30, lunedì chiuso.


La foto della Palazzina di Caccia, da wikipedia.it

Alla periferia di Rosta, nella cintura orientale torinese, sorge la Precettoria di Sant'Antonio di Ranverso, uno dei più importanti esempi di gotico piemontese; costruito tra il XII e il XV secolo, con numerosi rimaneggiamenti posteriori, il complesso possiede, nella chiesa, uno splendido ciclo di affreschi, Imago Pietatis, realizzato da Giacomo Jaquerio, sull'abside, il presbiterio e la sacrestia, e un polittico di Defendente Ferrari; il gotico caratterizza anche la facciata e il chiostro. Tutt'intorno una serie di edifici dai caratteri rurali, il più importante dei quali è l'antico ospedale, anch'esso in stile gotico. La Precettoria è aperta dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 17.30, chiusa il lunedì.


La foto della Chiesa di Sant'Antonio di Ranverso, da www.hotelchaletdellago.it

Nella pianura della Granda, tra Racconigi e Saluzzo, con una spettacolare vista sulle Alpi, c'è l'Abbazia di Staffarda, che, fondata nel XII secolo dai benedettini, raggiunse in pochi decenni una grande importanza economica, fino a diventare punto di riferimento anche politico e sociale per questa parte dell'antico Marchesato di Saluzzo. I lavori di restauro del XVIII secolo hanno in parte alterato il gotico originario, ma si possono apprezzare ancora oggi la chiesa, con numerosi elementi architettonici e pittorici di grande fascino, e il borgo, che ha mantenuto l'antica atmosfera agricola. L'orario di apertura dell'antica Abbazia cistercense è dalle 9 alle 12.30 da martedì a domenica; le aperture pomeridiane variano con il variare delle stagioni: dal 1 novembre al 28 febbraio l'orario è dalle 13 alle 17, dal 1° marzo al 31 ottobre è dalle 13 alle 18.


La foto dell'Abbazia di Staffarda, da arteefede.com

Come si arriva in queste magnifiche testimonianze della storia e della cultura piemontesi? Iniziano le dolenti note, perché non esistono trasporti pubblici in grado di soddisfare le esigenze dei turisti non dotati di auto (difficilmente un turista straniero in visita in Piemonte con un volo Ryanair ha dietro l'auto, giusto?). Per arrivare dal centro di Torino a Stupinigi bisogna prendere il tram 4 fino a Piazza Caio Mario e quindi la navetta 41, diretta a Borgaretto (e al ritorno bisogna fare il giro di Borgaretto, prima di tornare finalmente a Torino e in piazza Caio Mario, da cui riprendere il 4...). Ah, durante la bella stagione si arriva a Stupinigi anche con la linea C dell'autobus turistico City Sightseeing Torino, che collega le Residenze Reali della cintura torinese, che passa ogni ora e che è adesso sospesa fino al 26 marzo 2015; idea molto carina, per carità, ma a Vienna si arriva a Schoenbrunn in metropolitana, idem a Versailles da Parigi o a Charlottenburg da Berlino, Per dire.

Per arrivare a Sant'Antonio di Ranverso ci sono due possibilità: la linea ferroviaria SFM3 fino a Rosta e di lì a piedi per una piacevole passeggiata fino all'Abbazia; c'è anche l'autobus della linea 1091, che, a Collegno (TO), ha una fermata nei pressi del capolinea Fermi della metropolitana M1 e che ferma poi proprio davanti al viale della Precettoria (gli orari, in pdf., su extrato.it). Per arrivare a Staffarda, infine, bisogna prendere un autobus della linea Torino-Cavour (gli orari in pdf su cavourese.it) o della linea Torino-Saluzzo (orari, in pdf su buscompany.it); le due cittadine sono unite da una linea di autobus che ha una fermata davanti all'Abbazia di Staffarda, con orari praticamente solo pomeridiani (la mattina passano solo fino alle 7.30); da Saluzzo, con destinazione Cavour, si arriva a Staffarda alle 14 e alle 17.45, da Cavour, con destinazione Saluzzo, si arriva alle 14.25 e alle 18.15 (il pdf degli orari è su buscompany.it). Non sono proprio servizi turistici, come si può vedere, anche se, con un certo sforzo, i turisti più interessati possono raggiungere ognuno di questi tesori (ma quelli che potrebbero interessarsi se i trasporti non fossero soggetti a orari così difficoltosi?).

La Fondazione Ordine Mauriziano ha già fatto il suo sforzo, non sarebbe male contribuissero anche i trasporti pubblici alla valorizzazione di questi tesori culturali del nostro patrimonio, con politiche ad hoc (che non prevedano, magari, l'aumento delle tariffe nei weekend...).

Nessun commento:

Posta un commento