Eventi    Luoghi   Made in TO   Progetti   Storie   In viaggio               Chi sono  Contatti

mercoledì 10 dicembre 2014

Con Pragelato Natural Terrain, la montagna ecologica del freeride

L'inverno e la neve tardano ad arrivare, la crisi economica contribuisce alle difficoltà e a Pragelato (TO) hanno deciso di inventarsi un nuovo modo di vivere la montagna, per ampliare l'offerta turistica invernale della vicina Via Lattea. Una montagna slow ed ecologica, in cui le attività sportive rispettino la natura e permettano un contatto più stretto e più intimo con essa. Partendo da quest'idea, è nato il progetto Pragelato Natural Terrain, che propone l'uso della seggiovia Conca del Sole e dello skilift Smeraldo, per raggiungere un'area posta a oltre 2000 metri, con piste non battute. "La moda del fuoripista sta contagiando un numero sempre crescente di sciatori che attraversano le Alpi alla ricerca delle stazioni più adatte e della neve più polverosa" si legge nel comunicato stampa, per spiegare l'insolita scelta.

Ma non c'è solo il freeride, sarà infatti possibile praticare anche lo sci alpino, si potranno percorrere i sentieri con le ciaspole, ci saranno spazi per lo sci nordico, ci saranno percorsi per esperti e per principianti. "Abbiamo una seggiovia e uno skilift per salire in quota e scendere in neve fresca. Ma sono a disposizione anche di ciaspolatori e scialpinisti che dall'arrivo degli impianti possono proseguire verso la cima del Morefreddo a 2769 metri. Inoltre, nella parte bassa del comprensorio, abbiamo tracciato percorsi per sci alpinismo e ciaspole, con tanto di segnaletica, oltre a un inedito sentiero per un'attività inedita: lo sleddog che consiste in una slitta trainata dai cani. Ovviamente tutti i frequentatori si avventureranno a proprio rischio e pericolo, ma saremo anche in grado di segnalare le aree sicure da quelle più pericolose. Infine, non bisogna dimenticare la pista da fondo che si inoltra nel parco della Val Troncea" spiega Carlalberto Cimenti, l'alpinista pragelatese a cui è stato affidato Pragelato Natural Terrain e che è prossimo a ottenere lo Snow Leopard, il riconoscimento agli alpinisti che hanno scalato tutte le montagne più alte di 7mila metri nell'ex Unione Sovietica.

I prezzi per il Pragelato Natural Terrain sono decisamente concorrenziali: lo skipass costa 15 euro nei giorni festivi e 13 euro nei giorni feriali, il pomeridiano, dalle 12.30, costa 10 euro, i biglietti singoli per la seggiovia e lo skilift costano 5 euro sola andata e 7 euro andata e ritorno. Sono prezzi resi possibili, sottolinea Cimenti, anche dall'assenza dei mezzi battipista: "Sia per noi gestori che per l'ambiente c'è il risparmio del gasolio che avrebbero consumato".

Pragelato, nelle valli olimpiche torinesi, si raggiunge facilmente, sia dalla Val di Susa che dalla Val Chisone, anche con i mezzi pubblici. In treno si può prendere la linea SFM2 fino a Pinerolo e da lì gli autobus della linea Sadem che collegano la Val Chisone, fino a Pragelato (gli orari, in pdf, su sadem.it); c'è anche un autobus diretto, che parte dall'Autostazione di Torino, in corso Vittorio Emanuele II 131 (ferma anche a Porta Nuova e in piazza Carducci), e che arriva a Sestriere, passando per Pragelato (gli orari li trovate al link già segnalato). Info su Pragelato Natural Terrain e sugli eventi nella cittadina, sul sito www.pragelatoturismo.it.

Nessun commento:

Posta un commento