venerdì 24 aprile 2015

Federico Patellani professione fotoreporter, a Palazzo Madama

Il progetto Neorealismo, con cui numerosi enti culturali torinesi rendono omaggio al Neorealismo, parte dalla Corte Medievale di Palazzo Madama ed è un commovente viaggio nell'Italia del dopoguerra. Federico Patellani, professione fotoreporter propone, fino al 13 settembre 2015, 90 fotografie in bianco e nero scattate dal famoso fotoreporter dalla fine della Seconda Guerra Mondiale agli anni 60. La mostra è divisa in cinque sezioni, che raccontano gli effetti devastanti della guerra sulle città italiane, la ricostruzione e la ripresa economica, il Meridione con le Isole, Miss Italia e il cinema, i ritratti di artisti e intellettuali.


Le foto sono davvero un racconto dell'Italia che fu, il volto annerito dei minatori sardi, le famiglie siciliane vestite a festa, il sorriso delle ragazze in piazza dei Miracoli, le bandiere comuniste, i lineamenti intensi delle donne meridionali, le ragazze di Miss Italia che si fanno prendere le misure e, addirittura, controllare la dentatura (a Lucia Bosè!), Anna Magnani immersa nell'acqua e Totò nel camerino. Sono foto che emozionano, commuovono e suscitano tenerezza, come lo scudo crociato dipinto su un muro e una falce martello dietro a un bambino. Si guardano questi volti antichi, che sono stati i nostri genitori o i nostri nonni e davvero si pensa al neorealismo, ai film di Roberto Rossellini o Vittorio De Sica. E' uno storytelling ante-litteram, sono cinema e fotografia che si mescolano e raccontano la storia dell'Italia. E' un viaggio affascinante, commovente e affettuoso in quello che siamo stati ed è davvero da non perdere.


Federico Patellani è considerato uno dei più importanti fotografi italiani del XX secolo. Nato a Monza nel 1911, Patellani si avvicinò alla fotografia dopo la laurea in legge, durante il servizio militare in Africa, nel 1935. Tornato in Italia, iniziò a collaborare con il Tempo e alla fine della Guerra, nel 1946, iniziò un lungo viaggio nel Sud italiano, che avrebbe poi ripetuto periodicamente, per raccontare le difficoltà e la rinascita di quelle regioni. Le sue fotografie, oggi, sono una pagina di storia, una testimonianza attenta e senza giudizi della vita quotidiana delle genti del Meridione, della Sicilia e della Sardegna. Negli stessi anni frequentò artisti, cineasti e intellettuali ritraendo l'intellighenzia italiana dell'epoca.


Federico Patellani professione fotoreporter rimarrà aperta fino al 13 settembre 2015. L'orario d'apertura è da lunedì a sabato dalle 10 alle 18, domenica dalle 10 alle 19. Il biglietto costa 8 euro, ridotto 5 euro, gratuito per bambini fino a 14 anni, disabili e possessori della tessera Abbonamento musei e Torino+Piemonte Card. Il catalogo è di Silvana Editoriale. Tutte le info su www.palazzomadamatorino.it.


Nessun commento:

Posta un commento