lunedì 18 maggio 2015

Un anno dall'occupazione della Cavallerizza Reale: la festa e gli eventi

Il 23 maggio 2015 ricorrerà il primo anno di occupazione della Cavallerizza Reale. Un anno fa, un gruppo di cittadini, preoccupato per i progetti del Comune sulla Cavallerizza, decise di occuparla: il Comune intendeva vendere questo spazio aulico, inserito nei Palazzi del potere di Torino, a un gruppo di privati, per trarne appartamenti di lusso e il solito centro commerciale, con cui le ultime Amministrazioni di Torino sembrano voler risolvere ogni quartiere. L'idea che un complesso architettonico, a cui hanno lavorato le menti più brillanti del barocco torinese, da Amedeo di Castellamonte a Filippo Juvarra e Benedetto Alfieri (gli stessi che hanno messo mano alla Reggia di Venaria, per dire), potesse finire in mano a privati, lasciando che il pubblico perdesse il controllo del suo uso, non è piaciuta a chi, in questo spazi, immaginava un polo culturale, un centro di aggregazione dal basso.

Così la Cavallerizza Reale è stata occupata e dal 23 maggio sono state numerosissime le iniziative per ridarle vita. Le visite guidate da architetti e botanici ai suoi spazi noti e meno noti e ai Giardini Reali, le performance di artisti più o meno sconosciuti, i mercatini dell'artigianato, i concerti serali e le installazioni artistiche, i dibattiti e le proposte. Il tutto sempre con una grande attenzione per la struttura: Assemblea Cavallerizza 14:45, questo il nome degli occupanti, ispirato all'ora in cui è avvenuta l'occupazione, ha sempre tenuto in ordine gli spazi, chiamando a raccolta la cittadinanza dalla sua vivace pagina Facebook e dal suo sito web, per le grandi pulizie o per il controllo degli impianti elettrici.

A un anno di distanza il futuro della Cavallerizza Reale continua a essere fumoso: il Comune parla di trasformarla in un polo culturale, con appartamenti da destinare a studenti, ma non ha rinunciato alla vendita. Nel corso dell'anno ci sono stati incontri con professionisti ed esperti, per immaginare il futuro di questo complesso affascinante, per avanzare proposte 'dal basso', che non neghino a Torino questi spazi aulici. Non si sa ancora come finirà, ma il 23 maggio sarà festa, una festa 'di arte e cultura' e la Cavallerizza sarà di nuovo protagonista. Il programma risponde allo spirito dell'Assemblea, che invita i torinesi a "a costruire una realtà basata sulla condivisione di competenze e di mezzi di produzione culturale, sulla valorizzazione di saperi, sulla formazione e su ogni altro contributo con cui si desidera partecipare. Vogliamo rendere questo luogo un polo culturale ed artistico aperto davvero a tutt*; artisti, tecnici, artigiani, associazioni, compagnie, collettivi/realtà, gruppi informali!"

Sulla pagina di Facebook dell'Assemblea c'è il programma della giornata:

Nel piazzale
ore 10-22
Mercatino dell'artigianato autoprodotto & genuinio clandestino
ore 15-17
Dibattito: Come gestire un bene comune?
Intervengono:
- U. Mattei "l'uso del Community land trust"
- Davide Mazzone "Testimonianze delle esperienze di riappropriazione di centri culturali in Nord Europa (EDM e Overtoom di Amsterdam)"
- Collegamento con "Forum delle Realtà Auto-organizzate" che si svolge a Barcellona
- Testimonianza dell'esperienza rimaflow, fabbrica autogestita dai lavoratori
ore 17:30 – 19
Agorà
Presentazione della chiamata all'azione, del nuovo modello economico, dei gruppi di lavoro e dell' Assemblea Domenicale
ore 19:45 – 00
Periodic Limb Sleep Disorder in concerto: una fusione tra l'elettronica e il postrock strumentale.
Marcello Giannini: Guitar
Ron Grieco: Bass
Jack D'Amico: Rhodes
Marco Castaldo: Drums
Salvatore Rainone: Drums
ore 00-04
Ride The White Horse:
Alessandro Gambo
Alessandro Nigro & Andrea Vietti
Noizyknobs
Henry Amadi

Nei Giardini
ore 10-20
Un Quadro Lungo Un Giorno: una painting performance di 24h, una tela su cui ognuno avrà la possibilità di esprimersi
Ore 10-22
Mercatino dell'artigianato autoprodotto & genuino clandestino
ore 12.30-14.30
Pranzo sociale bellavita "portapertaperchiporta"
ore 13-14
Roda Capoeira
ore 15-17.30
Livepainting e animazione (Charlie)
ore 18:30-20
Reading di "CONTRO" di Lydie Salvayre. Lettura di Eva Geatti - Chitarra Marcella Riccardordi
Reading Jazz con voce recitante e musica dal vivo
Pres, Melodius & Chet (Lester Young, Thelonious Monk & Chet Baker)
Duke, Harry & Pres (Duke Ellington, Harry Carney & Lester Young)
ore 20-20.30
Live: Giuseppe Berardi - acrobazie fra chitarre e loop station
ore 20.30-21.15
Live Il Misterioso Gruppo Folk - Nero Sud
ore 21.15-22
Live: Il Progetto Parallelo
ore 22-23
Live: Pierangelo Iozzia e il Complesso QRS
ore 00 - ..
Live - Assemblea Cavallerizza presenta:
"Il Concertone: più di una jam, meno di un live di Manu Chao"


Su questo argomento leggi anche:
Storia della Cavallerizza Reale di Torino, Patrimonio dell'Umanità a rischio - 3 giugno 2014



Pubblicato in Cultura varia, Eventi

Nessun commento:

Posta un commento