Eventi    Luoghi   Made in TO   Progetti   Storie   In viaggio               Chi sono  Contatti

sabato 3 settembre 2016

Torinodanza 2016: gli spettacoli, il défilé e gli incontri da non perdere

Lo spettacolo Tre, firmato dal coreografo israeliano Ohad Naharin per la Batsheva Dance Company, aprirà il Torinodanza Festival, il 6 settembre 2016, alle ore 21, al Teatro Regio. Si tratta di uno spettacolo in tre parti, in cui i danzatori si muovono seguendo i principi di Gaga, sperimentando, cioè, la comprensione individuale del corpo e dei suoi limiti.


Il risultato è sorprendente, assicura il comunicato stampa: "La qualità del movimento esprime valori ed emozioni che diventano bellezza inafferrabile e inaspettata che incolla i sensi al palcoscenico per 60 minuti. Nel primo quadro, Bellus, l'intera compagnia crea una sinfonia umana sulle Variazioni Goldberg di Bach eseguite da Glenn Gould, articolando una serie di sequenze a onda: gli impulsi partono dai piedi, che creano un suono nella terra e che vibrano nei corpi generando il movimento; i passi rispondono alla musica riempiendo i vuoti sonori fra virtuosismi e sorprese. Humus è un intenso unisono, ipnotico e incantatorio, tutto al femminile su musica di Ohad Fishof, la cui forza sta proprio nel creare un unico organismo perfettamente sincronizzato che si sposta in zone diverse dello spazio, riempiendolo tutto. Chiude lo spettacolo Secus, il pezzo più lungo, in cui la coreografia diventa un disegno geometrico mosso da un eclettico miscuglio musicale pop ed elettronico: si compone sotto i nostri occhi increduli un alfabeto umano fatto di corse, assoli, gesti tersi e puliti, duetti interrotti, che, attraverso calci precisi e improvvisi, sinuose disarticolazioni delle anche, torsi che si piegano in tutte le direzioni come gomma da plasmare, esprime emozioni e sentimenti puri senza diventare sentimentale".

Torinodanza si concluderà il 3 novembre 2016, dopo aver offerto alla città 15 spettacoli, 27 rappresentazioni, 10 prime nazionali, 5 coproduzioni. Sui palcoscenici cittadini si esibiranno 14 compagnie, provenienti da Belgio, Canada, Francia, Giappone, Israele, Italia, Spagna; in programma anche un Défilé con 150 danzatori e 50 musicisti. Tra gli spettacoli in programma, Fenêtres (10-11 settembre) e Barons Perchés (15-18 settembre), entrambi alle Fonderie Limone Moncalieri, ispirati al arone Rampante e firmati da Mathurin Bolze; nicht schlafen (non dormire) (23-24 settembre, Fonderie Limone Moncalieri), spettacolo del coreografo belga Alain Platel, una delle presenze più apprezzate del festival torinese; Pesadilla (Danza acrobatica sonnambula) (4 ottobre, Fonderie Limonte Moncalieri), spettacolo di Piergiorgio Milano, uno dei più apprezzati interpreti del circo contemporaneo, è "un'incantata ricerca sul movimento, fuori da confini disciplinari e con sorprendenti presenze sulla scena". In programma anche i nuovi lavori di Daniel Abreu, Denis Plassard, Itzik Galili, Michèle Anne De Mey.

Uno degli eventi clou di Torinodanza 2016 è il Défilé 2016, il 24 settembre 2016, dalle ore 16: partirà da piazza Palazzo di Città e arriverà in piazza Carignano, dove, alle ore 17, inizierà la performance Lava Bubbles. Sarà l'appuntamento finale di Torino con un lavoro che ha impegnato per mesi 150 danzatori e 50 musicisti dell'Unione Musicale Condovese. Il comunicato stampa così lo spiega: "A Torino, in Piemonte e in Europa il festival ricerca continuamente punti di incontro per sviluppare iniziative transdisciplinari e socialmente rilevanti, spesso accompagnando la vocazione internazionale della città lungo i principali assi geografici. Ed ecco in quest’ambito, dopo il successo del Défilé 2014, la rinnovata collaborazione con la Biennale de la Danse de Lyon per il Défilé 2016. Insieme – Parata urbana, il Défilé di Torinodanza 201, realizzato con il sostegno di Compagnia di San Paolo, è energia, fisicità allo stato puro, passione italiana e tanto divertimento: il progetto racchiude in sé una ricerca che parte dalla cifra espressiva del coreografo Roberto Zappalà. Imprimendo alla creazione un’impronta stilistica capace di innervare la tradizione musicale partenopea con il linguaggio coreografico dell’artista catanese. Punto di partenza sono stati i classici delle canzoni e delle musiche di Napoli, riviste con gli arrangiamenti del maestro Gianluca Calonghi, con il quale Torinodanza ha già lavorato per Expo 2015 e per il Défilé di Luci d'Artista". Basta questo ed è già un appuntamento irresistibile, poi si aggiunge che la parata è inserita anche nel programma di contorno di Terra Madre Salone del Gusto e le commistioni si fanno ancora più curiose e appassionanti (che città, Torino!).

Oltre agli spettacoli, in vari teatri e locali sparsi tra la città e i Comuni della sua cintura, Torinodanza propone anche una serie di appuntamenti di approfondimento sulla danza, che potrete seguire al Circolo dei Lettori (via Bogino 9), alle ore 18: il 6 ottobre 2016 Mettere in moto la memoria – il progetto RIC.CI/Reconstruction Italian Contemporary Choreography Anni ’80/’90 ideazione e direzione artistica Marinella Guatterini. Il 12 ottobre 2016, presentazione del libro Luciana Savignano. L’eleganza interiore di Emanuele Burrafato (Gramese Edizioni). Il 21 ottobre 2016, Roberto Zappalà proporrà Omnia Corpora. Devoto-Etico-Istintivo (edito da Malcor D’).

Torinodanza Festival si svolgerà tra i Teatri Regio e Carignano di Torino, le Fonderie Limone di Moncalieri, la Lavanderia a Vapore di Collegno. Il biglietto ai singoli spettacoli costa 20 euro e sono in vendita sia online sia alla biglietteria del Teatro Stabile di Torino ( Teatro Gobetti, via Rossini 8, mar-sab, ore 13-19; tel 011 5169555 Numero Verde 800 235 333); tutte le info per l'acquisto anche online su www.torinodanzafestival.it.


Nessun commento:

Posta un commento