Eventi    Luoghi   Made in TO   Progetti   Storie   In viaggio               Chi sono  Contatti

domenica 1 gennaio 2017

Buon 2017: i numeri del terzo anno di Rotta su Torino

In questi giorni, Rotta su Torino festeggia il suo terzo anno di vita. E' nato come un divertissement, senza un progetto preciso: tendo a essere piuttosto incostante nelle mie passioni e nei miei interessi e, per questo, per mesi non è stato neanche presente sui social, perché dovevo prima di tutto rendermi conto se avevo davvero voglia di seguire un blog tutti i giorni, con articoli originali, che raccontassero la mia Torino e il mio punto di vista sulla città, la sua storia, la sua architettura, le sue attività. Tre anni di continuità sono già un bel traguardo, per me. E lo sono anche per i bei risultati che, senza strategie e senza investimenti, ma solo con la passione e con la convinzione che il lavoro di qualità paghi sempre, sono arrivati.

Rispetto al 2015, Rotta su Torino ha visto aumentare i suoi utenti del 41,3% e le pagine viste del 35,3%.

Ho un'idea molto precisa sulle cose che mi piace raccontare della città e, quando leggo i suggerimenti su come avere blog di successo, a volte mi trovo in difficoltà: guardate cosa vogliono i lettori, si legge spessissimo. Ed è giusto, ma poi rimane il dubbio: e quello che voglio raccontare io, dove rimane? La mia tendenza è sempre stata raccontare quello che voglio io, non quello che penso potrebbe interessare (certo, la speranza è che le due cose possano coincidere e che ci siano persone che tornano a leggere il blog perché si riconoscono nelle cose che scrivo). Con questa premessa, per me la cosa più interessante delle statistiche sono sempre le pagine più lette. E, a parte la Home Page, le pagine più viste del 2016 riguardano i "cosa fare" e "cosa vedere" in giornate speciali come Pasqua, a San Valentino e a Ferragosto, i consigli sulle 10 cose da fare a Torino (un post che ho scritto nel 2015, senza troppo pensarci e grazie al progetto #insiders di trippando, cercando, da buona Acquario cose insolite e originali, si è rivelato uno dei post che identificano il blog!) e sui 6 posti in cui vedere Torino dall'alto; sin da quando l'ho scritto, nel 2014, ha sempre avuto un grande successo l'articolo dedicato al progetto per l'area dell'ex Westinghouse (il suo successo costante è schizzato nelle ultime settimane, dopo la decisione della Giunta Appendino di confermarlo in toto); l'inaugurazione della nuova sede di Reale Mutua ha dato nuova visibilità all'articolo che avevo dedicato al progetto, quando era stato presentato alla stampa. Poi ci sono la storia del Lingotto, il progetto della Spina Centrale di Torino, la riapertura dei Giardini Reali, la copertura del Passante Ferroviario, . Allo scorrere la lista degli articoli più letti del 2016, viene fuori un identikit di lettori interessati più al futuro della città che al suo passato, più ai progetti che alla storia, più desiderosi di vivere i suoi eventi culturali nei momenti più importanti dell'anno. Una città che in fondo mi piace e che amo raccontare: anch'io, per carattere, tendo a guardare più al futuro che al passato, amo l'architettura e tutto quello che significa nell'idea di una città, dal modo di vivere al senso della bellezza.

Non voglio iniziare questo 2017 senza ringraziare chi mi aiuta a realizzare Rotta su Torino. I lettori, prima di tutto, le persone che mi scrivono e mi mandano i loro suggerimenti su luoghi e storie da raccontare, che mi chiedono consigli e idee sui posti da visitare e sugli alberghi in cui prenotare per un weekend in città. Vorrei ringraziare anche i lettori dei social: Rotta su Torino è su Twitter, Facebook e Instagram e ha maggiore successo su Twitter (come si capisce sempre la personalità degli autori, Twitter è il mio social prediletto, quello di cui non potrei fare a meno), dove ha superato i 3100 followers, che su Facebook (1796 like a oggi) e Instagram (oltre 830, con la giustificazione che per oltre un anno non hanno funzionato gli hashtag, per cui era difficile farlo conoscere sulla piattaforma).

Vorrei anche dire grazie a Daniela Mattheu, Raffaella Bassi e Tanja Gentilini della Fondazione Torino Musei, a Francesca Ferro dei Musei Reali di Torino, a Matteo Fagiano della Reggia di Venaria Reale, ad Alberto Tosa del Museo Accorsi Ometto, a Silvia Bianco, Clio Amerio e Marta Maimone di La White, a Raffaella Bucci della Fondazione per l'Architettura, a Marco Buccino dell'agenzia Glebb Metzger, a tutti gli addetti stampa del Comune di Torino, per la loro gentilezza, disponibilità e velocità, tutte le volte che ho scritto loro chiedendo maggiori informazioni o curiosità che volevo aggiungere nei post. Un grazie a tre addetti stampa davvero speciali per me, Silvia Lanza di Turismo Torino, per tutte le volte che mi ha invitato agli eventi per conoscere in anteprima i servizi turistici della città e della sua provincia, a Barbara Gramolotti del Distretto del Novese, sempre piena di idee e di entusiasmo, e a Filippo Ceretti, che mi fa scoprire sempre le bellezze della Val Vigezzo, con grande passione e professionalità.

A tutti, un buon 2017!


Nessun commento:

Posta un commento