venerdì 16 giugno 2017

Lovers Film Festival: il programma e le novità

Con un nuovo nome, con un nuovo direttore e con una nuova collocazione nel calendario degli eventi cinematografici torinesi, ha preso ieri il via il 32° Festival del Cinema a Tematiche Omosessuali, il Festival del Cinema Gay, insomma, che si chiama adesso Lovers Film Festival – Torino LGBTQI Visions, per aprirsi a tutti gli orizzonti sentimentali, che è diretto da Irene Dionisio (lo storico direttore Giovanni Minerba è adesso il presidente del Festival) e che terminerà il 20 giugno. In programma, al Cinema Massimo, ci sono 83 film, di cui 3 anteprime internazionali, 3 anteprime europee e 56 anteprime italiane; provengono da 31 Paesi, con una prevalenza degli Stati Uniti (20 film), seguiti da Francia (13 opere), Italia (9) e Germania (8), ma non mancano produzioni di Filippine, Sud Africa, Turchia, Giappone e Taiwan.


Nelle due sezioni di concorso, All the Lovers. Concorso lungometraggi e Real Lovers. Concorso documentari ci sono sette film, accompagnati da due film fuori concorso, che, spiega il comunicato stampa, "offrono uno sguardo inedito sulle tematiche del festival". Nella giuria di All the Loversi, che assegnerà il premio Ottavio Mai per il miglior film, del valore di 1000 euro, ci sono il critico cinematografico Franck Finance-Madureira, il critico e giornalista Vieri Razzini e l'artista Eva Robin's. La giuria di Real lovers è composta dal regista Fabio Mollo, la docente Mariapaola Pierini e il filosofo Gianni Vattimo, con Maria Luisa Brizio (Altera/UCCA) come consulente, e assegnerà il premio di 500 euro, fornito da UCCA – Unione Circoli Cinematografici ARCI. 14 le produzioni in concorso per Irregular Lovers. Concorso iconoclasta, dedicato alle opere di carattere sperimentale e 21 i cortometraggi della sezione Future Lovers.

Ad accompagnare il Festival, numerosi eventi speciali. Il 16 giugno, alle 20.30, nella Sala 1 del Cinema Massimo, ci sarà Stuart Milk, attivista per i diritti e nipote di Harvey Milk, che premierà l’attivista russa Lyudmilla Alexeyeva. Subito dopo si terrà un incontro con Yuri Guaiana (All Out), Alessandro Battaglia (Coordinamento Torino Pride), Igor Kochetkov (Russian LGBT Network) e Piernicola D’Ortona (Amnesty International Torino). Il 17 giugno, un omaggio a George Michael, con un video tributo, intitolato Watch Without Prejudice vol.1, curato dal musicteller Federico Sacchi con Seeyousound (Sala 2, ore 22.30). Ancora il 17 giugno, alle 20.00 (Sala 1), sarà proiettato The Pass di Ben A. Williams, seguito da un incontro con il giornalista Gianpaolo Ormezzano e Francesca Vecchioni, fondatrice di Diversity Media Awards.

Non mancano gli eventi off, che hanno sempre caratterizzato il Festival. Il 16 giugno al Circolo Canottieri Esperia (ore 23.00), ci sarà musica con il dj set Portafortuna Lovers con Debruit. Il 18 giugno, alle ore 20, da Amantes, sarà il turno di Dj Set Ilestofanti.

La cerimonia di chiusura, il 20 giugno alle ore 20.30, nella Sala 1 del Cinema Massimo, premierà i film vincitori e sarà aperta da Cecilia, l'arpista torinese gà presente in altre edizioni del festival, quindi un reading della poetessa Patrizia Cavalli. Il film di chiusura è Hello again di Tom Gustafson, previsto per le ore 22, mentre, dalle ore 23.30, il Lovers Film Festival chiuderà i battenti della 32° edizione al Magazzino sul Po, con una festa in collaborazione con Fish & Chips Film Festival. "Si tratta di uno degli eventi più importanti delle serate OFF musicali, che si terranno in collaborazione con le più importanti realtà torinesi LGBT, ci sarà il gruppo Oh My God! It’s the Church, che si è già affermato nei principali festival europei, tra cui Glastonbury)" commenta il comunicato stampa.

Il programma, gli orari e gli aggiornamenti del 32° Lovers Film Festival su www.loversff.com.


Nessun commento:

Posta un commento