venerdì 11 aprile 2014

Il Gran Premio dell'Automobile torna al Valentino, per celebrare l'auto a Torino

Gira e rigira, si ritorna sempre all'automobile. Può perdere il Salone dell'Auto, può perdere la sede della FIAT, diventata FCA in Olanda, ma il pallino per l'auto rimane nel cuore torinese. Così, ricordando il passato e celebrando il potenziale futuro, dall'11 al 14 giugno 2015, si terrà a Torino il Gran Premio dell'Automobile, al Parco del Valentino.
E' una manifestazione di tre giorni che entra di diritto nel calendario di Torino Capitale dello Sport 2015 e dell'Expo-To 2015, la ricca serie di appuntamenti con cui Torino si prepara all'Esposizione Universale del 2015.

"E' un festival motoristico, un salone dell'auto all'aperto: tre giorni per rimettere al centro l'automobile come fenomeno industriale e passione culturale: la sfida è proporre un evento di altissimo livello, ma più dinamico, agile e moderno rispetto ai tradizionali Saloni dell'Automobile. I più importanti proprietari e collezionisti di auto sportive, classiche, di auto icona di tutti i tempi e di auto da competizione più esclusive e uniche al mondo avranno la possibilità di esporre le loro collezioni in un contesto unico in termini di eleganza e di esclusività" spiegano gli organizzatori nel sito web.

E oltre che per i collezionisti, ci sarà spazio anche per le case automobilistiche, che potranno presentare i modelli più importanti, sia per strada che per competizione. Mentre i maestri del design avranno un proprio spazio per presentare le proprie proposte, sia del passato che del futuro, così da permettere agli appassionati un excursus sull'evoluzione del gusto e del design.

"L'intreccio di esposizioni statiche e attività dinamiche creerà un percorso coinvolgente e appassionante attraverso la storia dell'automobile. Sono infatti previste attività all'interno di un percorso dedicato, che permetterà a case automobilistiche, centri stile e collezionisti di presentare in forma dinamica le novità, i modelli icona di tutte le epoche, le auto classiche e da competizione più belle e significative delle loro collezioni davanti a un pubblico di appassionati e di giornalisti. I proprietari collezionisti di auto sportive e classiche avranno, inoltre, la possibilità di rendere omaggio alla storia dell'auto attraverso un tributo personalizzato al Gran Premio dell'Automobile, tour di un giorno nelle location più spettacolari di Torino e dintorni"

Sembra davvero un programma appassionante non solo per chi ama le automobili, ma anche per ricordare quanto le auto siano importanti per la storia di Torino. E questo equilibrio delicato tra passato e futuro, tra passione e potenzialità, raggiungerà il karma il 14 giugno, con la Rievocazione del Gran Premio del Valentino, un'esibizione che vuole ricordare quando nel Parco lungo il Po si celebravano le corse automobilistiche. E' stato tra il 1935 e il 1955: il Gran Premio del Valentino ha visto partecipare alcuni dei piloti più importanti dell'epoca e della storia dell'automobilismo, da Alberto Ascari a Tazio Nuvolari. E' stato proprio durante uno di questi GP che c'è stato uno degli episodi più celebri della storia della Formula 1: Nuvolari che taglia il traguardo con il volante in mano, staccato dallo sterzo (che è un po' come il giro su tre ruote di Gilles Villeneuve, una trentina d'anni dopo).

Le automobili sembrano aver lasciato Torino, il design e l'indotto continuano ad avere nei suoi dintorni alcuni dei punti di riferimento più importanti del mondo. Bello che un'iniziativa come questa ricordi come Torino sappia sempre reinventarsi, attenta al proprio passato, ma con lo sguardo proiettato verso il futuro. E bello che il Gran Premio dell'Automobile sia al Parco del Valentino, per tutti i ragazzi che inseguono le imprese di Fernando Alonso e Sebastian Vettel e non sanno che i più grandi del passato si sfidavano intorno al Castello del Valentino, lungo il Po. Davvero non ci poteva essere location più affascinante per questa kermesse.
Per tutte le info, il sito della manifestazione è www.parcovalentino.com.


Nessun commento:

Posta un commento