Eventi    Luoghi   Made in TO   Progetti   Storie   In viaggio               Chi sono  Contatti

venerdì 29 maggio 2015

Modus vivendi al Museo dell'Automobile: grandi auto per viaggi epici

Ha appena aperto al Museo dell'Automobile di Torino, e ci accompagnerà per tutta l'estate, fino al 27 settembre 2015, la mostra Modus vivendi, uno straordinario viaggio tra le auto che hanno compiuto viaggi straordinari. Modus vivendi si riferisce alla scoperta del modus vivendi, il modo di vivere, che ogni viaggio implica, sia riguardo gli usi, i costumi, i colori, le mode dei Paesi attraversati, sia riguardo i cambi di stile di vita e di ritmo che chi viaggia si impone, per rispondere alle avventure e alle novità che possono arrivare.


Mi piace come il comunicato stampa del Museo dell'Automobile racconta le vetture esposte, che diventano "il diario del viaggio compiuto, ogni ammaccatura racconta un aneddoto". E gli aneddoti sono tanti, dal 1907, anno del primo viaggio raccontato: si ripercorrono attraverso fotografie e filmati, che, "come una trama di fili colorati, si intrecciano", per portarci in un lungo viaggio in un mondo profondamente cambiato, non solo nelle sue tradizioni e nelle sue abitudini, ma anche nella politica, perché ci sono viaggi raccontati nella mostra che oggi sarebbero quasi impossibili.

Le vetture esposte raccontano viaggi straordinari, si diceva. Ci sono la Land Rover Aziza 3 109, con cui Nino Cirani attraversò l'intero continente americano dall'Alaska alla Terra del Fuoco, nel 1968, la Fiat Campagnola che nel 1951 partecipò al raid Algeri-Città del Capo, stabilendo il record di percorrenza del Sahara per una vettura a rimorchio; l'Alfa Romeo 6C 2500 Sport, che nel 1950 prese parte alla Carrera Panamericana, nel Messico, la Moncenisio Porsche Cayman S Tipo 981, che nel 2014 percorse l'Arctic Experience, arrivando a Nordkapp, il paesino più a nord del mondo, sul Circolo Polare Artico. Sono tutte auto che hanno compiuto migliaia e migliaia di chilometri e chissà che storie potrebbero raccontarci, se solo avessero una voce!


Azzeccata l'idea di accompagnare la mostra a un calendario di incontri con grandi viaggiatori, che racconteranno le loro esperienze, i loro modi vivendi, le difficoltà affrontate e le emozioni indimenticate. Sono tutti appuntamenti a ingresso libero, fino a esaurimento dei posti. La serie di incontri è iniziata il 28 maggio, con Gunther Holtorf, considerato il più grande viaggiatore del nostro tempo, per aver attraversato 215 Paesi in 26 anni, percorrendo quasi 900mila km con una Mercedes 300GD del 1988, esposta al Museo dell'Automobile fino al 7 giugno (più in basso trovate il calendario degli incontri futuri).


Modus vivendi è al Museo dell'Automobile, in corso Unità d'Italia 40 (si raggiunge anche con la metropolitana, fermata Lingotto). Il biglietto costa 12 euro, ridotto 8 euro, per le scuole 2,50 euro, gratuito per i possessori della tessera Abbonamento Musei e Torino+Piemonte Card. L'orario di apertura è lunedì dalle 10 alle 14; martedì dalle 14 alle 19; mercoledì, giovedì e domenica dalle 10 alle 19, venerdì e sabato dalle 10 alle 21. Da segnalare una bella iniziativa che unisce il Museo dell'Automobile al MAO: in occasione di Modus vivendi e di Sulla rotta delle spezie, la mostra che il MAO ospiterà dal 30 maggio al 27 settembre, i due Musei applicheranno il biglietto ridotto reciprocamente, così da permettere a torinesi e turisti di visitare due mostre complementari, che si arricchiscono di contenuti e suggestioni.

Qui, il calendario degli incontri organizzati per Modus vivendi (seguite museoauto.it per gli aggiornamenti di orari e nomi, adesso ancora mancanti, per gli eventi di settembre):

4 giugno 2015, ore 19
L'Africa del mio camion
Giuseppe Francesco Simonato racconta Overland 12, la spedizione in Africa realizzata nel 2010 con gli ormai mitici camion arancioni IVECO: da Torino a Roma, fino a Capo di Buona Speranza

10 giugno 2015, ore 19.30
Mongol Rally: Avventurieri allo sbaraglio
L'esperienza di Rust&Dust e Racing Club 19, due dei team che hanno partecipato all'edizione 2014 del Mongol Rally, corsa non competitiva da Londra fino a Ulan Bator, capitale della Mongolia.

2 luglio 2015
Overland 1, da Roma a New York
L'ideatore di Overland, Beppe Tenti, racconta il primo dei mitici viaggi dei camion IVECO: cinque mesi di viaggio per arrivare da Roma a New York, via terra, attraverso Europa, Siberia, Alaska, Canada e USA.

17 settembre 2015
Le vie della seta di Beppe Tenti
Secondo appuntamento con il padre di Overland, che racconta la sua passione per l'Oriente e descrive i cambiamenti dei luoghi che ha conosciuto nel corso di 25 anni.

23 settembre 2015
Diari di viaggio: itinerari a confronto
Quattro viaggiatori per quattro itinerari diversi, ma ugualmente affascinanti, per le domande di sempre: perché si parte? Cosa si cerca? Cosa rimane, al ritorno a casa

26 settembre 2015
Nino Cirani, dall'Alaska alla Terra del Fuoco
Il mitico viaggio del grande fotoreporter, attraverso tutto il continente americano, nel 1968: saranno proiettate le sue diapositive, riversate su supporto digitale e accompagnate dal commento registrato originale di Cirani.


Pubblicato su Mostre

Nessun commento:

Posta un commento