Eventi    Luoghi   Made in TO   Progetti   Storie   In viaggio               Chi sono  Contatti

venerdì 18 dicembre 2015

L'eleganza di Gio Ponti per Ginori, in una mostra a Palazzo Madama

C'è un video, appena entrati nello Spazio Atelier in cui Palazzo Madama ospita, fino al 29 febbraio 2016, la mostra Gio Ponti e la Richard Ginori. L'eleganza della modernità. Si intitola Amare Gio Ponti ed è il primo documentario sul grande designer, con testimonianze di familiari ed eredi e interviste con personalità come Vittorio Gregotti, Fulvio Irace o Bob Wilson. Se non avete il tempo o la voglia di fermarvi a guardarlo, ascoltatelo, mentre ammirate le porcellane create da Gio Ponti: a un certo punto il celebre architetto e designer dice che "se un cliente che si è arricchito viene e vi chiede cose che mostrino il suo nuovo status, diteglielo che è una cafonata, convincetelo che il bello è semplice". In questa frase c'è non solo il senso del suo lavoro e della sua poetica, ma, probabilmente, dell'intero made in Italy, diventato famoso nel mondo.


Il video aiuta a capire meglio i magnifici vasi, i piatti, le tazze, disegnati da Gio Ponti per la Richard Ginori, tra il 1923 e il 1933. Le forme sono sempre pulite e hanno nella loro semplicità i segni di una grande ricercatezza e raffinatezza. Il Grande Vaso ha il reticolo a rilievo, come unica e preziosa forma di decorazione, i piatti si ispirano alla mitologia e persino ai giochi delle carte; ci sono riferimenti all'art decò, al movimento futurista. La mostra porta a Torino alcune delle creazioni più famose di Giò Ponti, il vaso Delle donne e delle architetture, la bomboniera Omaggio agli snob, il vaso L'Edile, la Mano della Fattucchiera, il disco Esorcismo, che colpiscono per l'eleganza delle forme, sempre semplici e pulite. L'esaltazione del made in Italy nella sua essenza più rigorosa.


Giò Ponti e la Richard Finori. L'eleganza della modernità è stata realizzata da Palazzo Madama grazie alla collaborazione dell'Associazione Amici di Doccia, che promuove il patrimonio del Museo Richard-Ginori della Manifattura di Doccia, chiuso al pubblico dal 2004, causa fallimento della Ginori, ma prezioso testimone di ben tre secoli di storia (la Ginori è stata una delle più longeve case di produzione di ceramica in Europa, fondata nel 1737 da Carlo Ginori e acquistata nel 1896 da Augusto Richard). Nelle sue collezioni, ben 10mila opere, tra ceramiche modelli in gesso, terracotta, piombo e cera; ci sono anche oltre 460 lavori di Gio Ponti. Gli Amici di Doccia hanno promosso una mostra itinerante, dedicata alla straordinaria esperienza di Giò Ponti alla Richard Ginori, Palazzo Madama è la sua terza tappa, dopo Firenze e Monza, ed è stata arricchita da alcune novità come il piatto Pontesca, la coppa Funérailles de Thaïs e il Grande Vaso con reticolo a rilievo.


Giò Ponti e la Richard Finori. L'eleganza della modernità è nello Spazio Atelier a Palazzo Madama, in piazza Castello, fino al 29 febbraio 2015. L'orario di apertura è lunedì ore 10-18, mercoledì-sabato 10-18, domenica 10-19, lunedì chiuso. Il biglietto d'ingresso, che comprende la visita del Museo e delle sue mostre, costa 10 euro, ridotto 8 euro, gratuito per i possessori della tessera Abbonamento Musei; ingresso gratuito anche ogni primo mercoledì del mese non festivo. Per tutte le informazioni, il sito web è www.palazzomadamatorino.it.


Nessun commento:

Posta un commento