sabato 12 gennaio 2013

Le influenze dei segni zodiacali nei quartieri di Torino

Il cuore magico di Torino è piazza Castello, dalla quale partono dodici linee immaginarie che a raggiera suddividono la città in dodici settori, uno per ogni segno dello zodiaco. Torino ha il Sole nell’Acquario e l'ascendente in Toro. La zona tra Stazione Dora, Madonna di Campagna, corso Mortara, parte di via Cigna e via Borgaro è nel segno dell’Ariete. Le caratteristiche sono la forza, l’autorità e la violenza (qui si concentravano industrie importanti come la Fiat Acciaierie, la Tecksid Fonderie, le officine di via Verolengo e la Savigliano specializzata in armi). Il Toro è il segno che identifica la città e corrisponde a corso Regina Margherita, alle cui estremità il sole sorge e tramonta. Il Toro indica religiosità e introspezione: qui sono costruite le più importanti chiese (Consolata, Maria Ausiliatrice, Cottolengo) e le grandi case religiose annesse.
Piazza Statuto, via Cibrario e corso Francia fino a Borgata Parella sono sotto il segno dei Gemelli, sofisticati e molto mobili. La zona è la più favorevole a chi esercita attività commerciali e intellettuali e in questo settore risiedono molte persone che si dedicano all’occulto. Il Cancro, il cui pianeta dominante è la Luna, regna su una vasta zona che comprende corso Vittorio dove ci sono le carceri "Nuove", piazza Sabotino, corso Lione, Borgo San Paolo e il Palazzetto dello Sport. Nell'oroscopo della città alla Luna si congiunge Saturno e ne risulta un influsso benefico per tutto ciò che di antico si trova sotto questo segno. Saturno è presente nella "casa" dei trasporti e in questo borgo si trovava una delle più vecchie rimesse tramviarie cittadine.
Il Leone, dove abita il Sole, è il segno del comando e dell'aristocrazia, e domina i "quartieri alti": la Crocetta, corso Matteotti e corso Re Umberto. La presenza della Luna mitiga questi attributi e favorisce l’insediamento anche delle masse popolari: ecco la presenza del vecchio stadio comunale, delle caserme, la piazza d’Armi, la Fiat Mirafiori. La Vergine, il cui pianeta dominante è Mercurio, dio dei viaggiatori e dei Mercati, estende il suo dominio lungo il Po, dalla stazione di Porta Nuova a tutto corso Massimo d’Azeglio, il Valentino e la zona di Italia ’61, luoghi sede di fiere, esposizioni, e di ogni genere di commercio, in tutti i sensi... Sotto questo segno si trovano anche le case di cura, qui infatti c’è la zona dove si concentrano i maggiori ospedali torinesi.
Il settore della Bilancia, segno votato alla bellezza e all’armonia delle forme, inizia in centro, con edifici eleganti di fattura barocca; piazza Cavour una volta era piazza Belvedere proprio per l’eleganza dei palazzi e dei giardini. Aggraziata è anche piazza Maria Teresa che incontra via della Rocca, dove si trovano i cortili più affascinanti della città. Sempre sotto la Bilancia si arriva alla zona precollinare di Valsalice, esteticamente il punto più gradevole, con ville e parchi che non hanno conosciuto la deturpazione edilizia moderna.
E siamo arrivati al segno magico per eccellenza, quello dello Scorpione. La zona ad esso dedicata è considerata il cuore dell’occultismo e comprende via Po, piazza Vittorio, la chiesa della Gran Madre. Al tempo in cui fu fondata la città questi luoghi erano ritenuti i più magici per il fatto che dove ora sorge la chiesa si ergeva il tempio di Iside al cui interno si svolgevano numerosi sacrifici. Lo Scorpione è anche un segno rivoluzionario, particolare confermato dal fatto che nella zona sorgono molti istituti universitari, cuore della contestazione cittadina.
La Mole Antonelliana si trova invece sotto il segno del Sagittario ed è sempre stata soggetta ad eventi imprevedibili, come confermano le presenze di Urano e Nettuno nel segno. Qui vi è però il punto di fortuna della città e la zona si estende da Borgata Vanchiglia a corso Belgio a lungo Po Antonelli, corso Casale fino al Motovelodromo. Il Sagittario infatti ama l’architettura ardita e ama anche gli animali: fino a non molto tempo fa adiacente a Parco Michelotti c’era lo zoo. Il Capricorno è il segno tradizionalmente legato all'aldilà e al silenzio. Tutta la zona del cimitero è sotto la sua tutela e cosa interessante è che la Basilica di Superga si trova perfettamente allineata sotto questo segno congiunto con Marte. Si crea così un connubio guerra-morte: qui sono sepolti i re di casa Savoia.
L'Acquario è il segno della speranza e del rinnovamento e sovrintende alla barriera di Milano, Borgata Aurora, Monterosa, Maddalene, corso Taranto e parte di corso Giulio Cesare, fino all’autostrada. E’ simbolo della società in via di realizzazione e di miglioramento. Il segno, altamente musicale, protegge i musicisti e, per coincidenza, in questa zona c’è una serie di vie dedicate proprio a loro: Leoncavallo, Paganini, Scarlatti... I Pesci, segno silenzioso e fedele, vegliano su una parte di corso Giulio Cesare, corso Vercelli, corso Grosseto e la Falchera. Gli abitanti, astrologicamente parlando, dovrebbero essere gente semplice ma capace di grande intensità del vivere

Nessun commento:

Posta un commento