Eventi    Luoghi   Made in TO   Progetti   Storie   In viaggio               Chi sono  Contatti

mercoledì 17 febbraio 2016

A stomaco vuoto, il design e l'arte riflettono sul digiuno

Arriva a Torino A stomaco vuoto, l'esposizione che a Il Lazzaretto di Milano ha stupito tutti durante la Settimana del Design di Milano. Mentre la contemporanea Expo parlava di cibo in tutte le declinazioni, A stomaco vuoto invitava invece a riflettere sul digiuno, in tutte le sue versioni, affidandosi alle opere di designer e artisti. Digiuno per obbligo, per mancanza di cibo, digiuno per scelta, sia estetica o spirituale, sono tanti i digiuno del nostro tempo, risultato di fenomeni complessi, non sempre legati al cibo in sé. Un tema forte, delicato e complesso, in decisa controtendenza con le proposte dell'Expo, ma la volontà provocatrice è stata compresa. Nata da un'idea di Linda Ronzoni, Andrea Vitullo e Alfred Drago, la mostra proponeva le riflessioni di artisti e designer, attraverso le loro opere.


A Torino, al Circolo del Design, da oggi fino al 2 marzo 2016, A stomaco vuoto si arricchisce dei lavori di designer e artisti piemontesi. La riflessione torinese si allarga alla mancanza di cibo, che allude ad altri tipi di vuoto: "A partire dalla rinuncia di cibo come pratica consapevole che rimanda a una tradizione religiosa millenaria trasversale a differenti culture, sino a considerare il digiuno nel suo senso più metaforico inteso come operazione di rinnovamento e catarsi, di contatto con la sfera emotiva più profonda in grado di produrre forme espressive originali" spiegano gli organizzatori.

Tra gli artisti che esporranno i propri lavori, Patricia Urquiola, Sofie Lachaert, Studio Dessuant Bone i piemontesi Acquacalda, Adriano Design, Andrea Vecera, César Mendoza, De Ferrari Architetti, Design Gang e Paolo Maccarrone.

La mostra sarà anche occasione di un dibattito, il 24 febbraio 2016, dalle ore 18 alle ore 20, cui prenderanno parte padre Ermis Segatti, teologo e docente di Storia del Cristianesimo e di Teologie Extraeuropee alla Facoltà Teologica dell'Italia settentrionale, Alberto Moshe Somekh, Rabbino della Comunità ebraica di Torino e Brahim Baya, Portavoce dell'Associazione Islamica delle Alpi di Torino; insieme converseranno sul digiuno dal punto di vista religioso.

La mostra rimarrà aperta al Circolo del Design, in via Giolitti 26a, fino al 2 marzo 2016. L'orario di apertura è da martedì a sabato dalle ore 11.30 alle ore 19.30; l'inaugurazione, stasera alle ore 18.30.


Nessun commento:

Posta un commento