lunedì 18 aprile 2016

IFLA 2016: l'Architettura del Paesaggio, gli eventi e il programma

Dal 20 al 22 aprile 2016, al Centro Congressi Lingotto, Torino ospiterà il 53° Congresso Mondiale IFLA - International Federation of Landscape Architects, che porterà in città oltre mille architetti e professionisti provenienti da tutto il mondo, per discutere del paesaggio, della sua tutela, della sua trasformazione. E' un tema di grande fascino, per evidenti ragioni, ma ha anche grande importanza per l'economia: un paesaggio tutelato e rispettato rende i territori più interessanti e, dunque, favoriti negli investimenti (in Italia il settore occupa 120mila persone e fattura circa 1,2 miliardi di euro).



Il tema scelto per il Congresso è Tasting the Landscape, che significa assaporare il paesaggio, non lasciare in secondo piano, cioè, le emozioni che il paesaggio è in grado di suscitare rispetto agli altri temi che riguardano la sua tutela. Tasting the Landscape pone l'accento, spiega il comunicato stampa, "sul progetto di paesaggio come strumento di produzione di qualità, di benessere, di risorse, di beni comuni e sul ruolo centrale del paesaggista nei processi di qualificazione e rigenerazione di luoghi e territori". Il Congresso rifletterà in particolar modo sullo spazio peri-urbano, il confine tra città e campagna che anche Torino sta ripensando e su cui sta investendo.

Le aree di lavoro dei partecipanti saranno quattro: Sharing Landscapes, sulla produzione di risorse alimentari in ambito urbano e peri-urbano; Connected Landscapes, su nuove economie da generare valorizzando luoghi e territori; Layered Landscapes, sui paesaggi stratificati, che possono diventare luoghi per sperimentare strategie e pratiche innovative; Inspiring Landscapes, sulla costruzione di immaginari collettivi, con tutela attiva di patrimoni poetici e culturali condivisi.

La partecipazione all'IFLA2016 è a pagamento, previa iscrizione; la lingua ufficiale è l'inglese, con traduzione simultanea.

Torino partecipa a questa tre giorni di paesaggio e architettura, con Paesaggi metropolitani, una serie di iniziative collaterali, che intendono far conoscere le tematiche del verde. Mostre, convegni, workshop, tavole rotonde, riflettono sul nostro patrimonio naturale e sulla sua gestione sostenibile.

Fino al 26 aprile, in piazza Carlo Alberto, la mostra Torino agricoltura in città, racconterà cento anni di ortu urbani. Dal 17 al 24 aprile, al Parco del Valentino, nel Giardino Roccioso, ci sarà Urban Nature-Art, "un evento sociale in cui le opere d'arte possono far scoprire nuove relazioni tra ambiente e comunità, tempo libero e cittadinanza attiva, storia e cultura"; a poca distanza, dal 20 al 23 aprile, San Salvario presenterà i suoi cortili verdi (mer-ven ore 15-19.30; sab 10-13 e 15-19.30). Dal 17 al 24 aprile, la Casa dell'Ambiente di corso Moncalieri 18 ospiterà la mostra L'Architettura del Paesaggio in Svizzera. Dal 18 al 24 aprile, al Borgo Medievale, ancora una mostra, Dedalo Minosse, sui progetti di architettura e paesaggio premiati. Il 19 aprile, a Villa della Regina, il Convegno Paesaggio e governance in Piemonte tra conservazione e innovazione e il workshop Paesaggi naturali e culturali: nuove opportunità per la green economy. Il 20 aprile, dalle ore 9.30 alle ore 13, al Castello del Valentino, tavola rotonda su Patrimoni e Creatività – Paesaggi e Valori UNESCO verso un distretto territoriale.

Il calendario completo degli eventi di Paesaggi metropolitani è, in inglese, su www.ifla2016.com; su www.ifla2016.com, sito ufficiale in inglese del Congresso, tutte le informazioni sulle sue attività.


Nessun commento:

Posta un commento