martedì 5 aprile 2016

Il programma di La Spagna a Torino, nell'attesa dell'incontro del 2017

E finalmente la Spagna arriva anche a Torino (quanto l'avrò aspettata quando gestivo il blog Rotta a Sud Ovest, tutto dedicato alla Spagna e al mondo di lingua spagnola?). Lo fa dal 13 al 17 aprile 2016, come sorta di anteprima di Torino incontra la Spagna, che nel 2017 racconterà la Piel de Toro ai torinesi, attraverso incontri, mostre, letteratura e cultura (dopo aver incontrato la Francia nel 2014 e Berlino nel 2015, pare che nel 2016, Torino non incontrerà nessuno, dunque, aspettiamoci un gran 2017 con i cugini spagnoli).


Sei Comunidades Autónomas, l'Andalusia, le Baleari, la Catalogna, le Canarie, la Comunitat Valenciana, la Galizia, e due città, Bilbao e Madrid, si presenteranno ai torinesi in piazza San Carlo, per farsi conoscere sia come destinazioni turistiche (e ci fossero i voli da Torino verso l'Andalusia, Bilbao o la Galizia, saremmo anche molto più felici di frequentarle!) che come poli culturali. Una storia millenaria, iniziata ancora prima della conquista romana, una cultura antica, frutto di incontri tra tartessi, romani, barbari, arabi, cristiani, un'architettura straordinariamente affascinante (basta citare l'Alhambra, la Cattedrale di Santiago de Compostela, la Sagrada Familia, le torri di Madrid e di Bilbao?), un paesaggio di grande varietà, dalle spiagge mediterranee alle scogliere atlantiche, passando per le vette dei Pirenei e la meseta dell'interno, un'enogastronomia che sfrutta la grande varietà di risorse, tra tradizione e creatività contemporanea, il richiamo della Spagna è irresistibile per gli italiani (perché sarà che tutti gli Erasmus passano di là e Ryanair è la prima compagnia aerea del Paese per trasporti?).

Nella cinque giorni de La Spagna a Torino si cercherà di andare oltre gli stereotipi, e si cercherà di approfondire la conoscenza del Paese con mostre, spettacoli, incontri e, addirittura, sfide gastronomiche (e meno male che si è evitato il calcio!).

Si inizierà il 13 aprile: dopo l'apertura degli stand in piazza San Carlo, alle ore 10.30 (tutti i giorni l'orario di apertura è dalle ore 10.30 alle ore 19.30, con prolungamento alle ore 21 sabato 16 aprile). Alle ore 12, alla Biblioteca Nazionale di piazza Carlo Alberto 3, si inaugurerà la mostra fotografica Serendipity - I volti del Cammino: 70 immagini, tra ritratti e paesaggi, firmate da Tommaso Pini, racconteranno uno dei pellegrinaggi più famosi del mondo, quello che attraversa la Spagna per terminare a Santiago, il Camino de Compostela. Il 14 e 15 aprile sarà la volta dell'Andalusia, che, alle ore 21, nell'Auditorium Vivaldi, in piazza Carlo Alberto 3, presenterà uno spettacolo di flamenco della Compagnia Lirico Flamenca dell'Andalusia (ingresso libero fino a esaurimento posti). Ancora il 15 aprile, alle ore 18, al Circolo dei Lettori, in via Bogino 9, si parlerà di Bilbao e della sua rinascita, attraverso cultura (il Guggenheim!) e riqualificazioni urbane, nell'incontro Bilbao, la trasformazione urbanistica, con Mercedes Rodriguez Larrauri, direttrice di Bilbao Turismo & Convention Bureau. E poi, il 16 aprile, dalle ore 17.30 alle ore 20.30, in piazza San Carlo, la gara sorprendente e inimmaginabile tra la birra San Miguel, una delle cervezas più famose di Spagna, e il vermouth Carlo Alberto, e che dire a Torino del vermouth? Chi vincerà la sfida? Lo deciderà il pubblico presente.

E si può dire? Visto il mini-programma preparato per La Spagna a Torino, non si vede l'ora che arrivi il 2017, per Torino incontra la Spagna.

Da spain.info, il sito dell'Ufficio del Turismo Spagnolo, potete scaricare, in .pdf, un opuscolo dedicato alla kermesse torinese, completato da informazioni turistiche sulle Regioni e le città che si presenteranno a Torino


Nessun commento:

Posta un commento