mercoledì 11 ottobre 2017

Lezioni di Storia sul viaggio, da Ulisse a Goethe, con il Circolo dei Lettori

Mi piacciono sempre tanto i cicli di incontri organizzati dal Circolo dei Lettori, una delle realtà culturali più brillanti di Torino. Per questo vi segnalo queste Lezioni di Storia, che avranno luogo al Teatro Carignano tutte le domeniche, dal 22 ottobre al 3 dicembre 2017 alle ore 11. Sono cinque incontri tra storici e grande pubblico, con cui si divulgano i temi lasciati sui banchi di scuola, che di tanto in tanto affiorano alla memoria e che farebbe sempre piacere approfondire. Il filo conduttore è il viaggio, da quello di Ulisse a quello di Goethe in Italia. Un tema che si accompagna alla mostra Odissee. Diaspore, invasioni, migrazioni, viaggi e pellegrinaggi, che prenderà il via il 16 novembre 2017 a Palazzo Madama, per concludersi poi il 19 febbraio 2018.

Il biglietto d'ingresso costa 7 euro, ridotto per Carta Plus, abbonati TST, La Stampa, possessori biglietto mostra Odissee 5 euro. Info al numero di telefono 011 4326827 e all'email info@circololettori.it. Questo il calendario degli incontri:

22 ottobre 2017
La libertà. Ulisse e i suoi compagni
con Eva Cantarella, ha insegnato Istituzioni di Diritto romano e Diritto greco antico all'Università statale di Milano
L’Odissea è il primo racconto di viaggio della letteratura occidentale. Ma è davvero un racconto di viaggio, quello di Ulisse? Il viaggio verso Itaca non è, piuttosto, la metafora di un percorso durante il quale il suo protagonista, per quanto forte sia la volontà divina, sente, se vuole, di poter scegliere la sua strada? L’Odissea racconta un viaggio fondamentale nella storia dell'umanità, che conduce alla consapevolezza del libero arbitrio e alla nascita dell’etica della responsabilità.

12 novembre 2017
Le origini. Virgilio, Enea e Roma
con Andrea Carandini, professore emerito di Archeologia Classica e presidente del FAI.
I primi Romani veneravano una lancia (Marte), un picchio (Pico) e un lupo (Fauno). Un pantheon ancora semplice: quando Roma ha avuto coscienza di sé come potenza, si è forgiata un passato meno totemico e più cosmopolita. E non è stato difficile ai re Tarquini trovare in Enea e in suo figlio Ascanio l'origine dei Latini. L'Eneide celebra l'epopea di Augusto, figlio di Cesare, discendente da Iulo, altro nome di Ascanio. Così si concludeva un intero ciclo epocale.

26 novembre 2017
La scoperta. Cristoforo Colombo e l'America
con Franco Farinelli, insegnante di Teoria e modelli dello Spazio e Geografia della comunicazione all'Università di Bologna.
La scoperta dell'America non fu soltanto la scoperta del Nuovo Mondo. Fu, prima ancora, la verifica della possibilità di una nuova maniera di fare i conti con ciò che esiste, attraverso uno sguardo e una pratica che hanno definito la natura dell'intera modernità e che ancora oggi restano in sostanza i nostri. Nel corso del tempo ha animato più o meno in controluce l'intera riflessione filosofica occidentale e rimane ancora oggi l'evento da cui ripartire per orientarsi nell’avventura di comprendere il mondo e il suo funzionamento.

3 dicembre 2017
La meraviglia. Goethe in Italia
con Luigi Mascilli Migliorin, insegna Storia moderna all'Università di Napoli L'Orientale
Conosci il paese dove fioriscono i limoni? Mille volte ripetuta, la domanda che è nel verso di Goethe conserva ancora lo stupore di chi la pone e la nostalgia di chi la riceve. Viaggio tra i più famosi dei tanti che vanno a comporre la biblioteca del Grand Tour, quello del grande scrittore tedesco ha, più degli altri, il colore sentimentale di un ritorno al luogo da cui tutti siamo partiti. La ricerca dell'Antico, distratta a Firenze, intensa a Roma, frenetica a Napoli e in Sicilia, è il suo carattere più appariscente. Ma più sottile, e forse ancor più vera, è la scoperta della natura italiana, la dolce solarità o la vertiginosa asprezza di paesaggi che, venendoti incontro, ti interrogano sul senso più nascosto dell'esistenza.


Nessun commento:

Posta un commento