sabato 4 novembre 2017

Claudia Fraschini: vi spiego il bello della cucina alla Cookin' Factory

Un carattere vulcanico e una grande passione per tutto quello che ha a che vedere con la buona cucina. Poco più di un anno fa, a maggio 2016, Claudia Fraschini ha aperto la sua Cookin' Factory, un ampio e fascinosissimo spazio in un'ex tipografia ristrutturata, con una magnifica luce che esalta anche la passione fotografica della padrona di casa. Qui c'è la sintesi della vita passata e la proiezione delle ambizioni future della travolgente Claudia.


- Iniziamo dal passato. Da dove nasce il tuo entusiasmo per la cucina?
Dai profumi che respiravo da bambina. Non solo la cucina della mia bisnonna, ma anche la spesa che il signor Latte portava a casa, in una cesta di vimini che trasmetteva i profumi della frutta, dei formaggi, del latte appena munto. I profumi sono una parte importante, a cui non ho mai rinunciato. E poi c'è stato un film a cui devo tantissimo, Tequila Connection, che mi ha indicato la strada: volevo essere come Michelle Pfeiffer, che era l'eroina della storia, la fata grazie alla quale tutti stavano bene e mangiavano bene.

- Così sono arrivati gli anni del catering
Anni in cui ho imparato moltissimo, sulle esigenze dei clienti e, soprattutto, sull'organizzazione. Sono arrivata a gestire una cena aziendale per 4500 persone, con 120 camerieri, un'organizzazione ferrea e una tabella di marcia precisissima; sono quegli eventi che ti insegnano a gestire anche gli imprevisti e che sfidano la tua capacità di improvvisare, nonostante tutto sia organizzato. Che organizzazione sarebbe se non ci fosse la capacità di rispondere agli imprevisti? Sono stati anni in cui non mi sono fermata un istante.

- La Cookin' Factory come è nata?
È stata un sogno che si è realizzato, uno spazio tutto mio, in cui parlare di cucina secondo la mia filosofia, in cui condividere le cose che ho imparato, in cui dare spazio alle mie passioni. Quando ho iniziato a pensare alla Cookin' Factory, mio fratello mi diceva di fare un business plan, che individuasse un target e che si focalizzasse su di esso, ma io non volevo una cosa così. La Cookin' Factory è aperta a tutti: facciamo corsi di cucina per professionisti e per chi non ha mai preso una padella in vita sua, ospitiamo eventi, abbiamo gestito corsi per team building di grandi aziende, siamo stati set fotografici e location di spot per aziende legate al cibo e alle bevande, perché io sono una grande appassionata di fotografia, ho anche partecipato a Paratissima, per cui tutto quello che è legato a cibo e immagine mi interessa enormemente. Non mi piace immaginare la Cookin' Factory come uno spazio limitato.


- Dunque difficile darle una sola definizione.
È uno spazio in cui vivere la bellezza del cibo, senza formalismi, con convivialità, iniziando dalla selezione della materia prima, su cui non mi stanco di insistere. Ho clienti con cui vado anche al mercato, perché tutto inizia da una buona scelta della materia prima. Dico sempre che almeno una volta alla settimana bisogna dedicarsi un paio d'ore al mercato, per viverlo, per respirarne i profumi, per ascoltarne i suoni, per guardare il pomodoro e le arance e sentire che ti parlano. Selezionare la materia prima al mercato è un viaggio di pura libidine che va riscoperto.

- Sei una sostenitrice dei mercati rionali?
Totalmente. E li sostengo perché dietro c'è un mestiere, c'è una competenza, non c'è il commesso che ti taglia il prosciutto come se fosse un carrettiere. Il cibo della grande distribuzione, impacchettato e buttato lì, non ha energia, non ha più vitalità; torni dalla spesa dal mercato o dal salumiere e hai comprato un pieno di vita. E, credimi, non butti via niente, per cui non è neanche vero che non risparmi.

- Alla Factory i tuoi corsi di cucina hanno una filosofia che sfida quella a cui ci hanno abituato i contest televisivi
Ma certo! La cucina è condivisione di sapere, è suggerimento, sperimentazione, consigli, non è una guerra per vedere a chi viene meglio. Bisogna convivere con il sugo che si è bruciato e inventarsi qualcosa con quello! Nelle mie lezioni, io spiego gli ingredienti e la ricetta, poi dico adesso dimenticatevi tutto e iniziamo!


- Partecipanti disorientati!
No, pronti a mettersi alla prova e a non temere quando le cose non riescono benissimo al primo tentativo, perché nel frattempo hanno condiviso impressioni, hanno visto cosa hanno fatto gli altri e hanno imparato trucchi e segreti, che sono cose che non si imparano sui libri, ma guardando, ascoltando, sperimentando. Il mio compito è coordinare il loro lavoro, dare idee e poi chiudere i piatti, per essere sicuri di cosa si mangia! Arrivano persone che dicono di non saper cucinare, di non essere interessate alla cucina, non ce n'è una che sia uscita dalla Cookin' Factory senza aver imparato ad amare il bello del cucinare, dello scegliere con cura gli ingredienti o dell'essere creativi con quello che si ha a disposizione.

- Quali sono i progetti della Cookin' Factory? So che avete appena iniziato un viaggio intorno al mondo
Sì, una volta al mese c'è una serata dedicata a un Paese, per conoscerne cultura e cucina. Abbiamo iniziato con la Spagna, per la Festa del Pilar del 12 ottobre, abbiamo evitato sangria e paella perché anche i nostri amici spagnoli ci hanno detto no, anche basta paella! da un lato del salone abbiamo ricostruito un angolo di Andalusia con i vestiti flamenchi, in un altro il culto della Madonna del Pilar e poi due amiche spagnole della Factory hanno preparato i piatti che si mangiano per la Festa del Pilar. Il prossimo appuntamento, il 10 novembre, è con la Danimarca! Sulla pagina di Facebook ci sono poi tutti gli eventi, i corsi e le lezioni che organizziamo, con il calendario sempre aggiornato.

La Cookin' Factory di Claudia Fraschini è in via Savonarola 2m, ha un sito web ed è anche su Facebook e su Instagram.


Nessun commento:

Posta un commento