giovedì 1 marzo 2018

Alla Reggia di Venaria Reale, un 2018 di grandi mostre

Il 6 marzo 2018, la Reggia di Venaria Reale riapre le porte, dopo la pausa invernale. E lo fa con uno slogan che ama molto, Fatevi rapire, illustrato da un manifesto fantascientifico, in cui un disco volante, sopra la Reggia, proietta un cono di luce con cui rapirci. Con l'apertura, arriva anche una serie di mostre da non perdere, in un calendario torinese che per la primavera presenta tante belle cose.

mostre 2018 a Venaria Reale mostre 2018 a Venaria Reale

Genio e Maestria. Mobili ed ebanisti alla corte sabauda tra Settecento e Ottocento è la prima grande mostra del 2018 di Venaria e mette insieme maestri eccezionali come Luigi Prinotto, Pietro Piffetti, Giuseppe Maria Bonzanigo e Gabriele Capello detto il Moncalvo; ci saranno opere d'arte mai esposte prima grazie ai prestiti di collezioni privati piemontesi e internazionali. 130 opere che racconteranno l'evoluzione dei gusti nell'arredamento e, soprattutto, i lavori realizzati da alcuni dei più importanti ebanisti d'Italia e d'Europa. Mi piace la sintesi che fa il comunicato stampa della Reggia: "La mostra racconta la storia di un raffinato, colto e complesso mestiere d'arte che si sviluppò a Torino a servizio delle più importanti committenze reali e nobiliari nel costante dialogo tra le arti". Dal 17 marzo al 15 luglio 2018, nelle Sale delle Arti, al secondo piano.

Pochi giorni dopo, nelle Sale dei Paggi, apre Sebastião Salgado. Genesi, una mostra fotografica dedicata all'ultimo lavoro del grande brasiliano. 200 immagini in bianco e nero che raccontano la Terra, nell'immensa biodiversità dei suoi continenti, e che raccontano, come un grido d'allarme, la necessità di preservarli, cambiando stile di vita e assumendo un comportamento più rispettoso della natura e dei suoi cicli. Ancora il comunicato stampa di Veneria Reale: " Un viaggio alle origini del mondo per preservare il suo futuro". Dal 22 marzo al 16 settembre 2018.

mostre 2018 a Venaria Reale
Due immagini da Architetture e prospettive. Massimo Listri alla Venaria Reale

La fragilità della bellezza. Tiziano, van Dyck, Twambly e altri 200 capolavori restaurati è il titolo dell'ultima mostra inaugurata a marzo e rappresenta la fase conclusiva della XVIII edizione di Restituzioni, un programma di salvaguardia e valorizzazione di Intesa San Paolo. La mostra alla Reggia presenta 81 nuclei di opere, per un totale di oltre 200 manufatti restaurati con il sostegno di Intesa Sanpaolo nel biennio 2016-2017, provenienti da 17 Regioni italiane (più una presenza estera, da Dresda), dall'antichità a oggi. Dal 28 marzo al 16 settembre 2018, nelle Sale delle Arti, al primo piano.

Ad aprile, nella Citroniera che ha visto alcune delle mostre più emozionanti della Reggia, arriverà Architetture e prospettive. Massimo Listri alla Venaria Reale, che esporrà alcune fotografie di architetture del fotografo, appositamente realizzate, della Reggia di Venaria e altri edifici storici. Dal 6 aprile al 20 maggio 2018, nella Citroniera delle Scuderie Juvarriane.

L'ultima mostra, prima della pausa estiva, è Preziosi strumenti, illustri personaggi. Liuteria e Musica tra Seicento e Novecento in Europa. Nel percorso espositivo, quattro secoli di liuteria e musica, ma, soprattutto, di collezionismo e mecenatismo: alcuni di questi strumenti musica, costriti da maestri come Stradivari, Nedermann, Hauser, Guadagnini, sono vere e proprie opere d'arte, contese da grandi musicisti e nobili dame, come Gaetano Pugnani, Niccolò Paganini, Henry Vieuxtemps, Mauro Giuliani, Francesco Molino, Federico Cano,la principessa Maria Teresa Strozzi, il conte Cozio di Salabue, la duchessa Maria Cristina di Borbone Napoli, la contessa Maria Beatrice Barbiano di Belgioioso, la duchessa Maria Teresa di Borbone Francia, la regina Margherita di Savoia. Dal 19 maggio al 30 settembre 2018, nelle Sale dei Paggi.

Tutte mostre affascinanti, per i temi che toccano, per le opere d'arte che espongono, per le riflessioni a cui invitano, legate soprattutto al bello e alla responsabilità che abbiamo tutti nei suoi confronti. Arriva la bella stagione (anche se in questo momento nevica su Torino e chissà quanti anni sono che non nevicava a marzo!), arriva la bellezza, che Venaria propone non solo nei suoi giardini e nelle sue sale, ma anche nei contenuti delle sue mostre temporanee.

Il sito web per saperne di più è lavenaria.it.


Nessun commento:

Posta un commento