lunedì 26 marzo 2018

Domus Lascaris, nuova riqualificazione di design del Gruppo Building

Dopo Number Six, la casa più bella del mondo secondo Archdaily, dopo Lagrange 12, che ha portato gli appartamenti di lusso in un palazzo storico nella via dello shopping, dopo Quadra-TO, che ha scoperto un mosaico romano in un antico convento trasformato in appartamenti di alto standard, arriva Domus Lascaris. Il nuovo progetto del Gruppo Building ristruttura una palazzina anonima costruita negli anni 50 per uffici, in via Lascaris, per trasformarla in un edificio di elegante architettura contemporanea, anche attraverso un'originale facciata caratterizzata da grandi aperture, enfatizzate da cornici aggettanti. Un cambio, quello sorprendente della facciata, che anticipa i cambiamenti previsti per l'interno.

Palazzo Lascaris Palazzo Lascaris

11 appartamenti di diversa metratura, dai 120 ai 250 metri quadrati, un attico con superattico da 423 metri quadrati e un altro da 531 metri quadrati. Tutte le rifiniture sono ovviamente di prestigio, con marmi bianchi di Carrara ed essenze pregiate come il rovere, l'olmo, l'iroko il doussie. E non solo, la cosa che più caratterizza Domus Lascaris è la nuova concezione dello spazio e del rapporto interno-esterno: le grandi vetrate permettono una vista sui palazzi storici che circondano l'edificio, in un dialogo continuo tra pubblico e privato, tra l'architettura aulica e quella contemporanea. "Si entra dentro per poter guardare fuori da un punto di vista privilegiato e personalissimo" assicurano dal Grupo Building. Ed è il comunicato stampa a sottolineare come Domus Lascaris abbia "un'identità audace. Cambia il paradigma dello spazio privato per aprirlo a tutto ciò che lo circonda. Lo scambio tra l'edifico e il suo contesto è continuo. Il disegno e la progettazione degli spazi, il lusso degli interni, la sicurezza e il comfort definiscono una dimensione estetica perfettamente connessa al nostro tempo, alla storia della città e al suo futuro".

Palazzo Lascaris Palazzo Lascaris

Nella proposta del nuovo progetto, in partenza in questi giorni (le consegne da fine 2019), anche una galleria d'arte al piano terra e una piscina, con area fitness e una spa, al piano interrato. Un modo di abitare elegante e contemporaneo, che non disegna le nuove tecnologie e la possibilità di gestire gli "scenari luminosi, sonori e olfattivi in ogni singola stanza. Anche da remoto". È un po' la cifra dei progetti torinesi del Gruppo Building, pensando anche a Number Six, che fonde nuove tecnologie e grandi spazi barocchi rinnovati.

Palazzo Lascaris Palazzo Lascaris

Il rinnovamento coinvolge anche via Lascaris, trasformata in via pedonale, con l'asfalto sostituito dalle lose e con grandi fioriere a ingentilirne l'aspetto sospeso tra barocco e contemporaneo.

Palazzo Lascaris Palazzo Lascaris

In tempi di preparazione di Open House Torino, chissà che tra un paio d'anni anche uno degli attici, con i suoi giardini pensili, o uno degli appartamenti, con il suo design contemporaneo, non siano parte della manifestazione.


Nessun commento:

Posta un commento