venerdì 16 marzo 2018

Le Giornate di Primavera del FAI aprono i luoghi segreti di Torino

La primavera arriva con le Giornate del FAI, che aprono spazi di cultura, storia e arte generalmente chiusi al pubblico. Quest'anno, il 24 e 25 marzo, sono 1000 il luoghi aperti, tanti anche in Piemonte e a Torino. Nel capoluogo saranno aperti spazi di grande fascino, con un occhio particolare al mondo intorno all'Ordine Mauriziano, oltre che ai Palazzi del potere, dell'aristocrazia e della cultura.

Basilica dei Santi Maurizio e Lazzaro a Torino Palazzo Vallesa di Martiniana a Torino
La Basilica dei Santi Maurizio e Lazzaro (sin), Palazzo Vallesa di Martiniana (ds)
Foto del FAI

In via della Basilica 1, sarà aperta al pubblico la Basilica dei Santi Maurizio e Lazzaro, una delle chiese barocche più belle e fastose di Torino, a pianta centrale e con una cupola che caratterizza lo skyline del centro, tra quella della chiesa di San Lorenzo e della Cappella della Sindone (orario di apertura: sabato 10-18, domenica 14-18). Aperto anche l'Archivio Storico dell'Ordine Mauriziano, che permetterà di entrare nell'Ospedale Mauriziano, dallo storico ingresso di corso Turati 46, per un percorso guidato al "piano nobile dell'edificio, già sede del Gran Magistero dei SS. Maurizio e Lazzaro. Con una narrazione storica si rivivono i luoghi ove prendevano forma e sostanza le funzioni proprie mauriziane, le Sale del Preconsiglio e del Consiglio dell'Ordine, e lo spazio ove allora come oggi se ne conserva la memoria documentaria, l'Archivio Storico, con un ricco patrimonio che copre un arco temporale dal Medioevo al XX secolo, fonte primaria per la storia dell'istituzione che lo ha prodotto, e fonte preziosa anche per ricostruire e rileggere fatti e vicende dello stato sabaudo e dell'Italia", secondo quanto scrive il FAI. Orario di apertura: sabato e domenica 10-18.

Là dove c'erano le Segreterie di Stato del Ducato e del Regno dei Savoia, oggi c'è la Prefettura di Torino, che aprirà le porte al pubblico per mostrare i suoi spazi interni, disegnati dai più importanti architetti di corte succedutisi nei secoli: "Amedeo di Castellamonte che concepì l’intera composizione della piazza, Filippo Juvarra che ne definì l’articolazione interna e Benedetto Alfieri, che portò a compiuta realizzazione il grande cantiere attraverso la composizione classicista". Ci sarà una chicca finale: la visita allo studio di Camillo Benso di Cavour, rimasto intatto dalla sua morte, nel 1861. Orario di apertura: sabato e domenica ore 10-18.

Riservata ai soci del FAI è l'apertura di Palazzo Vallesa di Martiniana (via San Dalmazzo 15). Costruito nel XVII secolo e ristrutturato alla fine del XVIII, deve il suo fascino alla contessa Lucia Giuliana Vallesa, che lo affidò a Luigi Barberis, uno dei più brillanti architetti del XVIII secolo torinese. "Dal 1964 il palazzo è stato sede della direzione generale SIP di Torino, e in seguito di Telecom; fortunatamente, il cambio di funzione da dimora nobiliare a privata fu operato nel rispetto degli ambienti storici e artistici" sottolinea il FAI. Orario di apertura: sabato e domenica ore 10-18.

Il Collegio di Carlo Alberto (piazza Arbarello 8) è una fondazione nata nel 2004 per la promozione della ricerca e la didattica nelle scienze sociali; si trova nella sede dell'antico Istituto superiore di Scienze Economiche e Commerciali, ristrutturato appositamente da un team di progettisti coordinati da Aimaro Isola. Orario di apertura: sabato e domenica ore 10-18.

L'ingresso ai luoghi aperti dalle Giornate di Primavera del FAI è libero, con donazione che il Fondo per l'Ambiente consiglia a partire da 3 euro.

Tanti gli spazi aperti anche in provincia di Torino dalla Precettoria di Sant'Antonio di Ranverso e della Cappella della Madonna dei Boschi, con il suo affresco del XV secolo, a Buttigliera, dalla Cappella della Visitazione di Valinotto (Carignano) al Castello e Parco di Masino, dal Teatro di Cuorgnè al Palazzo dei Conti Ponte di Lombriasco.

Su www.fondoambiente.it, l'elenco dei siti aperti in Italia nelle Giornate di Primavera del FAI.


Nessun commento:

Posta un commento