sabato 14 maggio 2016

Navetta 2016 da Avigliana alla Sacra di San Michele: gli orari e i prezzi

Con la bella stagione, torna anche la navetta dalla Stazione Ferroviaria di Avigliana (TO) alla Sacra di San Michele, storico monumento piemontese altrimenti irraggiungibile dai turisti che non hanno l'automobile. Antico convento benedettino, la Sacra sorge sul Monte Pirichiano ed è uno degli elementi caratteristici del panorama torinese e della Valle di Susa, sul 'promontorio' che il Prichiano costituisce, a chiudere la Valle. La sua posizione è evidentemente strategica: chi la controllava, controllava anche l'accesso alla Pianura Padana e, dunque, all'Italia.



Il servizio della navetta è stato potenziato rispetto agli anni scorsi: non solo è stato ampliato il periodo di funzionamento, fino a ottobre, ma è aumentata anche la frequenza, diventata trisettimanale. Ed è un bel modo di credere nella vocazione turistica di Torino e dei suoi dintorni più immediati: senza collegamenti pubblici, molte attrazioni turistiche rimarrebbero isolate e irraggiungibili e sarebbe un peccato. Bello che si inizi a pensare a collegamenti ad hoc!

La navetta entrerà in funzione domani, 15 maggio 2016, fino al 16 ottobre, ogni mercoledì, sabato e domenica. Gli orari di partenza da Avigliana sono 9.30, 11, 14.30, 16.30, 18 (con arrivo alla Sacra 40 minuti dopo, alle ore 10.10, 11.40, 15.10, 17.10, 18.40); dalla Sacra di San Michele si parte alle ore 10.15, 12.30, 15.15, 17.15, 18.45 (con arrivo ad Avigliana alle ore 10.55, 13.10, 16.00, 17.55, 19.30).

Per raggiungere Avigliana da Torino, ci sono i treni della linea 3 del Servizio Ferroviario Metropolitano, che partono ogni mezz'ora da Porta Nuova e che arrivano ad Avigliana circa 15 minuti prima della partenza della navetta (gli orari, in pdf, sono su sfmtorino.it), lasciando tutto il tempo per fare il biglietto e salire a bordo.

Il biglietto costa 1 euro, l'andata e ritorno 2 euro. Lungo il percorso, ci sono alcune fermate, che permettono di visitare anche Avigliana, oltre che la Sacra: piazza del Popolo, corso Laghi all'altezza del centro storico, corso Laghi davanti all'Ufficio Turistico e Certosa 1515, fermata che permette di visitare la Certosa, diventata luogo di sosta e di pensiero, grazie alla gestione del Gruppo Abele di don Luigi Ciotti.


Nessun commento:

Posta un commento